Disintermediazione turistica: alleggerirsi dalle commissioni di booking e degli altri portali

disibtermediazione_turistica_vivere_di_turismo

Se esistesse davvero il genio della lampada il primo desiderio dei gestori nel settore del Vacation Rental sarebbe sicuramente quello di riuscire ad ottenere una totale disintermediazione turistica, con il 100% delle prenotazioni dirette senza pagare commissioni a coloro che fanno da tramite, online e offline.

Niente più agenzie di viaggio o OTA (sigla per Online Travel Agency) come Venere, Booking, Airbnb, ecc.

Una disintermediazione totale non è sempre possibile, ma alleggerirsi di una buona percentuale non è un obiettivo impossibile. Per applicare al meglio una strategia di disintermediazione efficace il mio consiglio spassionato è procedere a piccoli passi.

Se infatti hai iniziato la tua attività da poco e hai bisogno di visibilità, puoi sfruttare la presenza sui portali di prenotazione on line, che sono perfetti per questo scopo.

È vero, inizialmente pagherai il prezzo delle commissioni sulle prenotazioni per ottenere questa visibilità. Ma se mentre sei presente su queste piattaforme ti poni come obiettivo la disintermediazione e lavori in tal senso, è solo questione di tempo e potrai goderti le ricadute positive di questo sforzo iniziale.

Le regole per iniziare a disintermediare.

Ecco poche regole base per iniziare a ottenere prenotazioni dirette e liberarti degli intermediari.

Non riguardano la competizione diretta con giganti come Booking, Venere, Expedia o Airbnb, sarebbe una follia. Si tratta di integrare la tua presenza su alcune OTA con una strategia alternativa per ottenere prenotazioni che ti permetta di esserne sempre più indipendente.

Ecco le caratteristiche a cui non puoi rinunciare:

1. Personalizza il tuo sito più che puoi. Non mi stancherò mai di dirlo, l’unico modo di differenziarsi rispetto alla concorrenza è crearti una identità precisa.

Anche a te sarà capitato di cercare on line un posto dove passare le vacanze. Sicuramente ti sarai reso conto che esistono siti di strutture che comunicano le loro offerte molto più efficacemente di altri.

Di solito sono quelli che inseriscono un maggior numero di fotografie, offrono informazioni dettagliate sulla location e lo staff, hanno una pagina di contatti in evidenza completa di tutte le informazioni e hanno un blog che offre informazioni sul territorio, sugli eventi nelle vicinanze, ecc.

2. Crea offerte fuori dal comune. Se fai un giro su Booking vedrai che le offerte che puoi prenotare tramite questo strumento sono abbastanza standardizzate.

La prenotazione diretta deve offrire servizi fuori dal comune e catturare l’attenzione di chi è in cerca di un’esperienza di viaggio.

Un buon modo è arricchirla di servizi extra possibilmente gratuiti: ad esempio tour guidati, degustazioni di prodotti tipici in locali convenzionati, servizi di noleggio bici, biglietti per musei o spettacoli… Dipende tutto da te, dai libero sfogo alla fantasia!

3. Crea sul tuo sito un sistema di prenotazioni on line a prova di bomba. Devi pensare che la soglia di attenzione di chi prenota è sottile come un foglio di carta velina.

Per questo ti serve un software che permette ai clienti che prenotano direttamente dal sito di farlo SEMPLICEMENTE e in POCHI CLICK.

Per ottimizzare questo processo devi scegliere il software di gestione delle prenotazioni, in gergo tecnico Booking Engine, più adatto a te. Ce ne sono molti, gratuiti e a pagamento, che puoi integrare con il tuo sito.

Ti consiglio in ogni caso di rivolgerti a un’agenzia o a dei professionisti per questo aspetto così importante e delicato. In caso contrario rischi di fare un lavoro enorme occupando anche molto tempo, senza ottenere i risultati sperati.

4. Utilizza altri canali. Il sito web non è l’unico strumento possibile per aggirare le grandi agenzie e ottenere più prenotazioni dirette.

Puoi utilizzare anche i social media a questo scopo, incoraggiando i tuoi clienti a condividere le foto e l’esperienza del loro soggiorno attraverso facebook, twitter, instagram, pinterest e chi più ne ha più ne metta.

In questo modo i loro amici potranno vederli e tu otterrai un effetto simile al passaparola che aumenterà la tua visibilità.

Ora che sei sulla strada della disintermediazione ti lascio con l’ultimo suggerimento.

Non rinunciare del tutto dagli OTA. L’obiettivo non è vincere contro quei portali (che comunque portano prenotazioni), ma fare in modo che i clienti che usano sistemi di intermediazione per prenotare siano solo una percentuale del totale.

Se vuoi confrontarti con più di 1800 gestori che, come te, affrontano ogni giorno queste situazioni, entra a far parte della nostra Community Facebook Vivere di Turismo.

Avrai accesso ai consigli concreti di chi lotta sul campo anche da molto tempo.

Iscriviti Ora

Ci vediamo nella Community!